Hai scoperto il tuo talento?

Non ancora?incerto

Sempre più spesso mi capita di accorgermi che troppe persone sono convinte di non essere davvero brave in niente. Addirittura non si chiedono nemmeno se hanno un particolare talento. Molti (troppi) trascorrono tutta loro esistenza senza una reale consapevolezza di quale possa essere il dono che è in loro; altri ancora, pur avendolo scoperto, ne fanno un cattivo uso.

Perché succede questo?

Perchè nella maggior parte dei casi si pensa che il talento riguardi solo la musica, l’arte, lo sport…  Sbagliato!

Sai cos’è il talento?

Il talento è l’inclinazione naturale di una persona a fare bene una certa attività.

Ti dice niente?  A me dice che tutti abbiamo dei talenti.

E allora dov’è il problema? È presto detto: non tutti sanno individuare il proprio talento e valorizzarlo perché hanno una falsa opinione di cosa sia in realtà.

Come fare per scoprire il proprio (o i propri) talenti? Ancora una volta ribadisco un concetto già espresso nei miei precedenti post: fermati e rifletti. A cosa? Eccoti 4 domande a cui devi rispondere:

  1. Cosa so fare bene?
  2. Quando faccio questa cosa mi sento bene?
  3. Chi mi sta intorno apprezza questa cosa che so fare bene?
  4. Soddisfo un loro bisogno?

Se hai individuato quello che sai fare bene e hai risposto sì alle successive 3 domande, è arrivato il momento di agire. Prenditi cura del tuo talento, dedicagli tempo e attenzione, allenati costantemente per migliorarlo e condividilo con gli altri. Importante: non aver paura di sbagliare.

Perché è importante scoprire il proprio talento? Eccoti 4 buoni motivi:

  1. perché ti rendi conto che come persona hai un valore e che sei unico;
  2. perchè puoi metterlo a disposizione degli altri. Ogni volta che lo fai lasci un segno positivo nella loro vita e loro collegano la tua persona a qualcosa di bello, di buono e di utile;
  3. perchè  arricchiamo la nostra vita e quella degli altri;
  4. perchè ce lo ha detto Dio:

Non trascurare il dono che è in te (I Tim. 4:14).

È chiaro che c’è almeno un dono in noi e che non dobbiamo trascurarlo perchè ciò che trascuriamo lo perdiamo.

Altra convinzione, molto diffusa: si crede che il talento abbia a che fare solo con attività manuali. Pure questa è sbagliata: nell’elenco dei talenti ci sono anche tante qualità. Sono illimitate, quindi te ne elenco solo alcune:

  • COOPERAZIONE/COLLABORAZIONE
  • ENTUSIASMO
  • PRENDERSI CURA DEGLI ALTRI
  • GENTILEZZA
  • IMMAGINAZIONE
  • VISIONE

Per concludere… un piccolo, simpatico esempio.

Quando ci riuniamo in chiesa per la preghiera e gli studi biblici (Chiesa Cristiana Evangelica – Rossano), Pina spesso porta un dolce preparato da lei. Sa da tempo che è brava a fare i dolci. Lo sa perchè ogni volta che ne porta uno in chiesa l’accogliamo con gioia e gratitudine, lei si sente bene quando li prepara, cresce la sua autostima e soddisfa un nostro bisogno (anche perchè ci abbina qualcosa da bere: the freddo, caffè o altre bibite fresche in estate, the caldo in inverno). Immancabile l’acqua. Non si è mai vista venire in chiesa senza almeno una bottiglia d’acqua.

Il talento di questa dolce signora non è solo materiale (il dolce e la bevanda), ne contiene altri: gentilezza, prendersi cura degli altri, collaborazione, generosità, portare ristoro.

Visto com’è semplice? Se non hai ancora scoperto il tuo talento, comincia a scavare dentro di te, da qualche parte… sicuramente c’è!

Annunci

Un libro deve essere un’ascia per il mare ghiacciato che è dentro di noi.

“Di una cosa sono convinto: un libro deve essere un’ascia per il mare ghiacciato che è dentro di noi” (Franz Kafka).

P_20170820_170322_BF[1].jpg

Anch’io ne sono convinta: se un libro non ti provoca niente dentro, se ti lascia indifferente, se rimani uguale a com’eri prima di iniziare a leggerlo… abbandonalo e cercane un altro.

Nella tua vita c’è stato almeno un libro che ti ha dato sollievo mentre soffrivi? Che ti ha fatto sorridere  mentre eri triste? Che ti ha dato conforto  mentre tutto intorno a te girava all’incontrario? C’è una lettura che ancora oggi ti fa gioire, fremere, commuovere, desiderare di essere migliore? Che ti fa vedere le cose da un’altra prospettiva?

Hai mai letto di posti lontani, dove non sei mai stato e forse mai ci andrai? Hai mai conosciuto, attraverso i libri, persone che hanno fatto cose straordinarie per il bene di tutti e ti sei sentito incoraggiato a fare, nel tuo piccolo, qualcosa di buono? Hai incontrato, fra le pagine, persone che hanno perpetrato il male in ogni sua forma e ti hanno fatto provare vergogna e disgusto in quanto essere umano e magari ciò ti ha spronato a non seguire la loro strada ma a percorrerne un’altra?

Hai in casa tua un libro che ti morde e ti punge ogni volta che lo apri? Che ti fa sentire una spina nel fianco quando leggi un brano o su una semplice parola che ti invita a riflettere? Che mette a nudo il tuo cuore e ti fa venir voglia, anzi… ti costringe a fare pulizia? Insomma…  c’è un libro – ritornando a Kafka – che ti ha svegliato e ti ha dato un pugno sul cranio?

L’hai trovata l’ascia che ha frantumato il mare ghiacciato che era dentro di te? O la stai ancora cercando e sei prigioniero in un mare di ghiaccio?

Continue reading “Un libro deve essere un’ascia per il mare ghiacciato che è dentro di noi.”